Giovedì, 19 Ottobre 2017 | Login

Per la tua prima navigazione.
L’ angioma cavernoso cerebrale  è anche detto emangioma cavernoso, cavernoma, malformazione cavernosa, CCM (nella forma sporadica) , FCCM (in quella familiare).
La forma sporadica, ossia solo un angioma cavernoso e nessuna familiarità NON è malattia rara ma ha una prevalenza molto alta.
La forma familiare ossia genetica ha una prevalenza di 15.0 su 100000 persone quindi è una forma rara.
E’ importante comprendere che si necessita , sulla base della sintomatologia , di più specialisti che ci seguano : dal neurochirurgo, al genetista, al neurologo,neuropsichiatra,  epilettologo, fisiatra, logopedista… ma è importante anche sapere che spesso gli angiomi possono sanguinare e poi restare silenti per tutto il resto della nostra vita e occorre ancora sapere che spesso si hanno gli angiomi ma nessun sintomo .
Troverai una quantità di articoli che ovviamente non devono essere mai intesi come sostitutivi dei tuoi medici specialisti ma informativi.
Ci definiamo “cavernoniani”: questo termine fu coniato da Alessandro quando, con i suoi otto anni, sentì l’esigenza di identificarsi e da allora lo usiamo un po’ tutti .
Per qualsiasii domanda non esitare a metterti in contatto con noi .
Grazie
La Presidente
Treglia Rita

Angioma Cavernoso Cerebrale.
Gli angiomi cavernosi sono lesioni vascolari tondeggianti di aspetto somigliante a pop-corn o a una mora. Dal colorito brunastro e con superficie irregolare e lobulata; si possono presentare in tutto il sistema nervoso centrale
e cioè a livello cerebrale, nel midollo spinale, nei nervi cranici, nei ventricoli cerebrali e a livello delle orbite e sono circa il 10% delle malformazioni vascolari di tutto il sistema nervoso centrale.

Si possono distinguere due quadri di presentazione:

 

  • la forma sporadica in cui il paziente di solito presenta un solo angioma cavernoso e non vi è storia familiare positiva per questo tipo di lesioni.
  • la forma familiare in cui solitamente gli angiomi cavernosi sono multipli e/o vi è storia familiare.

Quest’ultima forma è trasmessa come carattere autosomico dominante. La gravità clinica è variabile ed età dipendente, essendo condizionata essenzialmente dalla dimensione, dalla localizzazione e dal’epoca della comparsa delle lesioni.
Ad oggi sono noti tre geni responsabili della malattia che è rara solo ed esclusivamente nella forma, appunto, genetica/familiare.
La sintomatologia degli angiomi cavernosi è molto varia in base alla localizzazione e tendenza al sanguinamento le crisi epilettiche sono il sintomo più comune; deficit neurologici focali di tipo transitorio, progressivo o fisso; mal di testa; vertigini; diplopia.

Vota questo articolo
(49 Voti)
Altro in questa categoria: Come sostenerci »